0

Grasso corporeo: quale è il tipo che fa più male?

Quante volte viene da afferrare pancia o fianchi per evidenziare i chili di troppo? Eppure esiste un tipo di grasso corporeo, molto meno visibile, ma più pericoloso di quello superficiale.




IL GRASSO CORPOREO- Esistono diversi tipi di tessuto adiposo. Il tipo più abbondante, è il tessuto adiposo bianco. Per molto tempo è stato considerato un semplice “serbatoio”, nel quale i grassi venivano accumulati. In realtà questo tessuto è molto attivo e, sintetizzando diversi tipi di molecole, tra cui ormoni, regola l’attività dell’organismo. Il grasso corporeo si distribuisce diffusamente a livello sottocutaneo, dalla testa ai piedi. Quello che molti non sanno è che il corpo umano è ricco di tessuto adiposo anche al suo interno. Esso contorna diversi organi interni. Ad esempio avvolge i reni, se ne ritrova anche sul pericardio (intorno al cuore) e tra le anse intestinali. Questo tipo di adipe, viene chiamato grasso viscerale ed è quello più legato allo sviluppo di alcune malattie.

 

grassoORGANI GRASSI- È diverso rispetto a quello sottocutaneo (foto). Il grasso viscerale è più attivo di quello superficiale e produce diversi tipi di molecole, tra cui interleuchina 1, interleuchina 6, TNFα. Queste molecole, se in eccesso, hanno azione infiammatoria dannosa per il corpo. Questo tipo di tessuto adiposo tende ad ostacolare anche la normale attività dell’insulina, aumentando il rischio di diabete mellito tipo 2. Questo dimostra come il tessuto adiposo è tutt’altro che un semplice ed inerte “serbatoio”. Oltre al diabete, altre sono le malattie a cui espone. Fra tutte spiccano le patologie cardiovascolari come infarto del miocardio, aterosclerosi ed ipertensione, fino ad arrivare a sindrome metabolica. Anche il fegato non è esente da danni. I grassi si accumulano nelle sue cellule trasformandolo in fegato grasso (steatosi epatica). Per concludere ricordate, l’obesità è tutt’altro che un semplice problema estetico. C’è ben altro sotto la pancia.

Alla prossima pillola.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *