0

Neo: scopri come capire se è pericoloso o maligno

A tutti è capitato almeno una volta di notare un neo strano sul proprio corpo. Ecco alcune caratteristiche da notare per capire se siete a rischio o meno.

IL NEO- È una lesione della pelle molto comune. I nei sono presenti in quasi tutte le persone, chi più chi meno. Il neo è l’espressione di raggruppamenti di melanociti, più precisamente di cellule neviche. Generalmente sono presenti in tutta la superficie corporea, anche se c’è un forte legame tra numero dei nei ed esposizione solare. Quindi, fate attenzione anche agli orari in cui ci si espone al sole. Generalmente iniziano ad aumentare durante l’infanzia, raggiungendo il picco durante la pubertà. Il loro numero inoltre, può continuare ad aumentare per tutta la vita. Molti sono convinti che strappare i peli da qualche neo o traumatizzarlo possa essere pericoloso. Ma anche in questo caso, si tratta di un falso mito. Quali sono invece le caratteristiche da notare per capire se i nei sono pericolosi?

Come riconoscere un neo sospetto?




MELANOMA- È uno dei tumori più temuti, proprio perché può essere confuso con un semplice neo. Ovviamente il suo riconoscimento spetta ad un medico specialista in dermatologia. Ma conoscere qualche caratteristica che possa spingervi a richiedere una visita, è sempre un vantaggio. La regola da seguire è ben memorizzabile e segue l’acronimo ABCDE.

  • Asimmetria: se si divide il neo a metà con diverse linee, nessuna delle sue parti è speculare all’altra. Ovvero, non c’è mai una metà uguale all’altra.
  • Bordi : non sono regolari come in una circonferenza o un ovale , ma sono molto irregolari o, in alcuni casi, frastagliati.
  • Colore: è eterogeneo. Mentre la maggior parte dei nei presentano un’unica tonalità, il melanoma può presentarne due o più. Può assumere colorazione nera, marrone chiaro o scuro, blu, rosso, rosa o biancastro.
  • Dimensioni: se è maggiore o uguale a 6 mm. Oggi però si diagnosticano quando sono ancora più piccoli.
  • Evoluzione: cioè che tende a modificarsi nel tempo. I nei normali tendono a rimanere stabili nel tempo, una volta raggiunta la dimensione definitiva.

Alla prossima pillola.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *